“GeoResponse Covid-19” : la call to action

“GeoResponse Covid-19” : la call to action di Esri Italia dedicata all’emergenza Covid-19

Esri Italia, in collaborazione con il Geosmartcampus e l’Associazione Scientifica Sanità Digitale (ASSD), lancia la call to action “GeoResponse Covid-19” rivolta agli innovatori, alle Startup (non è richiesta l’iscrizione al Registro delle startup innovative) e a Gruppi informali, allo scopo di accelerare e ottimizzare i tempi di intervento e le operazioni di contrasto dell’epidemia Covid-19, dando un contributo concreto per garantire una vita quotidiana sicura.

TEMA DELLA CALL

I team innovatori dovranno presentare applicazioni basate sulla georeferenziazione dedicate alla gestione di un emergenza epidemiologica, in particolare, nella comunicazione, prevenzione, monitoraggio e trattamento del Covid-19 all’interno delle diverse fasi di gestione annunciate dal Governo: fase 1 contenimento; fase 2 ripresa controllata delle attività; fase 3 ritorno alla normalità.

Il valore aggiunto della tecnologia Esri durante l’emergenza

La raccolta e la condivisione dei dati del monitoraggio sanitario, durante la fase 1 e 2, è una delle attività più critiche per la maggior parte delle organizzazioni coinvolte nell’emergenza. L’utilizzo della piattaforma di georeferenziazione di Esri consente ai diversi Operatori di risolvere tale criticità attraverso la disponibilità e condivisione in tempo reale di dati georeferenziati aggiornati e precisi, potendo contare sugli strumenti di “Location Analytics”, una visione e analisi certa della situazione organica e i suoi diversi impatti sul territorio a livello sanitario, sociale ed economico. Attraverso l’uso di App, facili da usare, i diversi Responsabili possono aggiornare e inviare, con periodicità definite, i dati real time direttamente alla Direzione. La Direzione e ogni altro Operatore ha quindi la disponibilità real time del dato attendibile, sia in termini di qualità sia di tempo, che gli permette di visualizzare l’evolvere della situazione in funzione delle diverse variabili e di valutare l’effetto delle decisioni, sia in termini di aumento o riduzione del contagio, sia in termini di impatto positivo dovuto alla attivazione dei diversi settori produttivi. L’utilizzo della piattaforma di georeferenziazione integrata con l’Intelligenza Artificiale e le principali applicazioni ad oggi utilizzate per il monitoraggio delle persone in autoisolamento (con sintomi ma senza tampone) e per tutte le persone rilevate positive e quindi in quarantena, sarà la chiave primaria per rispondere in modo tempestivo nei molteplici contesti di città metropolitana. Un location intelligence definita da procedure automatiche realizzate con strumenti di AI, che consente di tenere continuamente sotto controllo la situazione e di evidenziare in tempo reale le eventuali anomalie, di utilizzare i Big Data degli spostamenti delle persone (opportunatamente anonimizzati) per incrociarli con i dati epidemiologici e quindi individuare eventuali aree di rischio o veri e propri nuovi focolai della malattia, di automatizzare il confronto fra dati e fornire allarmi coerentemente con le regole impostate e concordate con il comitato tecnico scientifico.

Attraverso il Sistema ArcGIS i diversi Operatori nella fase 1 possono ad esempio:

 

  • Avere la rappresentazione del posizionamento di un gruppo di ammalati, dell’espandersi di una epidemia, del posizionamento di un presidio sanitario rispetto alla localizzazione dei pazienti, della logistica all’interno ed all’esterno degli ospedali, del tracciamento di uno o di un gruppo di ammalati per conoscere e seguirne l’evoluzione temporale.
  • Individuare il centro di localizzazione (focolaio) di una epidemia e poterlo correlare alla situazione del territorio
  • Vedere la diffusione del contagio, attraverso la georeferenziazione anche dei tamponi dei pazienti positivi.
  • Sapere dove c'è disponibilità di posti letti e di terapia intensiva in modo dinamico e in tempo reale.
  • Supportare gli Operatori sanitari e le forze di Ordine Pubblico nel pianificare il controllo del territorio e la delimitazione delle zone rosse e dei focolai.
  • Vedere l'allocazione delle fasce deboli e delle persone non autosufficienti.
  • Vedere la distribuzione dei medici di base.
  • Conoscere i servizi di prima necessità Supermercati e Farmacie e censire chi fa servizi di consegna a domicilio.
  • Sapere, gestire e monitorare la distribuzione e presenza del terzo settore e i servizi che erogano.

 

PER I PROGETTI SELEZIONATI

Esri Italia renderà disponibile ai progetti selezionati la piattaforma di georeferenziazione ArcGIS di Esri e il supporto professionale specialistico.  Le applicazioni, di proprietà dei team Innovatori, una volta selezionate e rese «operative» saranno integrate con la piattaforma Esri e presentate agli Operatori coinvolti nell’emergenza a livello nazionale e internazionale.

 

PER PARTECIPARE

Le candidature potranno essere inviate a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro il 1° giugno 2020,  attraverso le modalità definite sul sito www.geosmartcampus.it

La valutazione sarà gestita da un gruppo di esperti del settore sanitario e da esperti di innovazione e sviluppo di impresa.

I progetti selezionati saranno comunicati entro l'11 giugno 2020.

 

 


Hai domande?

Rivolgiti a un esperto

Per maggiori chiarimenti sulla nostra offerta scrivici, ti daremo tutte le risposte che cerchi

vai al form

Supporto tecnico

Rivolgiti al nostro Supporto Tecnico

È possibile inviare una richiesta di assistenza accedendo alla pagina del Supporto all’interno del portale My Esri della propria organizzazione.

Vai al form