WhereNext: dalla blockchain alla geoblockchain

Un Think Tank con Brian Cross di Esri e l'esperto di blockchain Constantinos Papantoniou ha approfondito questa importante evoluzione

Di blockchain in questi anni si è parlato spesso e forse ormai è un argomento chiaro ai più, anche se troppo spesso viene associato esclusivamente al mondo dei Bitcoin. Questa volta però, grazie a un WhereNext Think Tank si è voluto approfondire un tema meno conosciuto, quello della geoblockchain.

Brian Cross di Esri e l'esperto di blockchain Constantinos Papantoniou nel corso del Think Tank hanno parlato di:

  • Come funziona la tecnologia blockchain
  • Quali industrie stanno guidando i primi casi aziendali
  • Che cos'è un geoblockchain e in che modo le aziende possono beneficiarne 

Per parlare di geoblockchain bisogna partire spiegando rapidamente la tecnologia blockchain, dove ogni transazione che si verifica tra le parti viene convalidata e registrata su ciascun nodo della blockchain. Quella transazione diventa un nuovo blocco e i blocchi sono organizzati cronologicamente per formare una blockchain. Questo fa sì che il sistema sia più accessibile e trasparente e anche molto più difficile da modificare.

Probabilmente, però, Bitcoin e altre criptovalute hanno aiutato e danneggiato la tecnologia blockchain. Da un lato, la crittografia è un caso di test molto significativo - ha dimostrato che la tecnologia funziona. Dall’altro, ha portato molte persone, compresi alcuni imprenditori, a credere che la blockchain sia utile solo per il trading di valuta speculativa. Questo non è assolutamente vero. Sono molti i casi d'uso per blockchain nelle impostazioni aziendali.

La blockchain rimuove gli intermediari e rende le transazioni più veloci ed è una tecnologia puramente digitale, quindi elimina le inefficienze e le inesattezze delle transazioni basate su carta.Può quindi essere utilizzata per registrare la vendita di beni personali, ad esempio una quantità di criptovaluta scambiata tra due parti. Ma può anche registrare i vari passaggi di un trasferimento di una proprietà. O ancora, nella supply chain può registrare e tracciare il movimento delle merci. Ciò potrebbe significare monitorare dove e come una spedizione di frutta fresca cambia trasportatore durante il suo viaggio al supermercato. Proprio partendo da questo esempio, è facile capire come sia importante a questo punto aggiungere l’elemento geolocalizzazione: la geoblockchain. Ma ocsa cambia rispetto alla blockchain? Fondamentalmente la tecnologia principale è la stessa, ma i dati registrati sulla geoblockchain sono più dettagliati. Le aziende possono interrogarlo in modo più approfondito e ottenere informazioni più precise.

Una semplice blockchain registra ciò che è accaduto: la proprietà X è stata trasferita al proprietario Y dal proprietario Z. Un'azienda che utilizza un geoblockchain potrebbe fare affidamento su sensori basati su IoT e tecnologia di localizzazione per tracciare non solo quali beni sono stati scambiati, ma dove è successo e in quali condizioni. 

Bisogna dire che la geoblockchain sta muovendo adesso i primi passi. Ma si stanno iniziando anche a vedere i primi casi concreti in aziende automobilistiche, di apparecchiature farmaceutiche e mediche, produzione, logistica e vendita al dettaglio, assistenza sanitaria.  

I principali vantaggi della geoblockchain sono la velocità delle transazioni, l'accessibilità dei dati e l'accuratezza dei dati. Una spedizione può passare attraverso dozzine di partner nella supply chain e ognuno registra ciascuna transazione, spesso in sistemi diversi. Con la geoblockchain, tali transazioni sono concordate da tutte le parti interessate e registrate fornendo la prova di posizione e altri dettagli. Pertanto, le aziende in caso di problemi o controlli, non devono ricostruire dove e con chi ha viaggiato il prodotto. Possono accedere rapidamente a quei dati, che sono aperti a tutti quelli associati a tale blockchain. 

Un altro esempio importante è quando si verifica un episodio di malattia di origine alimentare. In quel caso un produttore o un rivenditore può rintracciare rapidamente i prodotti alla loro origine e richiamare solo i lotti interessati. Questo può salvare vite umane, ma anche può far risparmiare tempo e denaro e aiutare a proteggere la reputazione di un'azienda.  

Per scoprire di più su questo Think Tank.


Hai domande?

Rivolgiti a un esperto

Per maggiori chiarimenti sulla nostra offerta scrivici, ti daremo tutte le risposte che cerchi

vai al form

Resta sempre informato

Iscriviti alla nostra newsletter

Dal 2009, la Newsletter di Esri Italia offre informazioni sulle novità dei prodotti e della tecnologia Esri, sulle attività e i progetti più innovativi realizzati da Esri Italia. In più la Newsletter propone ogni mese i video, le mappe e gli eventi più significativi del mondo delle soluzioni geospaziali.

Iscriviti ora

Conferenza Esri Italia 2019

Supporto tecnico

Rivolgiti al nostro Supporto Tecnico

Per inviare una richiesta di assistenza al Supporto Tecnico, è possibile compilare il Web Form. Per accedere alla scheda è necessario effettuare il login al sito di Esri Italia o registrarsi se ancora non si possiedono le credenziali.

Vai al form