GIS & BIM

L’integrazione che ha rivoluzionato la progettazione e la costruzione delle infrastrutture

 

Una nuova infrastruttura può avere un notevole impatto sull’ambiente circostante e sulle strutture già presenti sul territorio che, a loro volta, influenzano le diverse funzionalità della nuova costruzione.
Per questo, la conoscenza e la visualizzazione di tutte le informazioni relative al territorio, all’ambiente, alla popolazione e alle reti, quando si progetta una infrastruttura aiuta a garantire che i progetti vengano realizzati rispettando tempi e costi previsti, minimizzando i possibili impatti negativi.
Attraverso l’integrazione dei modelli GIS (Geographic Information System) e BIM (Building Information Model), ogni singolo progetto viene immerso nel contesto reale che lo circonda, per avere la possibilità di controllare e pianificare tutti gli effetti sul territorio e valutare gli aspetti sociali, economici e ambientali.

La potenza della Piattaforma ArcGIS

L’integrazione tra GIS e BIM rappresenta una vera rivoluzione per la progettazione e la costruzione delle infrastrutture. Grazie alla Piattaforma ArcGIS è possibile mettere insieme e integrare dati provenienti da differenti fonti, utilizzando la componente geografica come elemento di connessione tra i dati. Dati di asset, informazioni provenienti dal rilievo sul campo, dati da relazionare a documenti scannerizzati o a sistemi di gestione del documentale, disegni CAD, fotografie e immagini geolocalizzate: tutti questi dati possono essere visualizzati su mappa direttamente all’interno di ArcGIS.

Attraverso l’accesso a servizi esterni, è inoltre possibile integrare e visualizzare altre informazioni di tipo cartografico o dati, per effettuare ulteriori analisi.
La Piattaforma ArcGIS consente poi di scegliere la modalità di condivisione delle informazioni.

Quando si progetta una infrastruttura, grazie alla Piattaforma ArcGIS, è possibile recuperare tutte le informazioni relative alla struttura di interesse, che sono sempre disponibili e consultabili tramite l’integrazione tra i due sistemi, nel corso dell’intero ciclo di vita dei singoli progetti. È anche possibile consultare l’andamento della fase di esecuzione: si può tornare “indietro nel tempo” e visualizzare lo stato di fatto in un determinato istante temporale.

Progettare e visualizzare il mondo reale in 3D

La visualizzazione 3D è uno dei punti di forza di ArcGIS: gli utenti visualizzano i progetti e i dati così come appaiono nel mondo reale attraverso una vista 3D dettagliata della struttura in costruzione. Questo significa poter vedere un progetto da qualsiasi angolazione e all'interno dell'ambiente in cui risiederà, ma anche valutare il contesto interno degli edifici, nonché usufruire di una prospettiva dall’alto per verificare se le costruzioni siano state inserite in modo appropriato all'interno dell’ambiente circostante.
Grazie alle numerose innovazioni tecnologiche che arrivano dall’uso di droni, dall'input dei sensori e dall'elaborazione dei dati, è possibile scansionare, fotografare e visualizzare il mondo tridimensionale che ci circonda. Ogni progetto inizia con una immagine fedele alla realtà, che può essere aggiornata con scansioni regolari per registrare i cambiamenti in ogni fase di sviluppo.

 

L'integrazione tra GIS & BIM nel ciclo di vita dell'infrastruttura: la case history di Italferr

 

 

 

 

 

 

Supporto tecnico

Rivolgiti al nostro Supporto Tecnico

È possibile inviare una richiesta di assistenza accedendo alla pagina del Supporto all’interno del portale My Esri della propria organizzazione.

Vai al form